July 2, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

“La capitalizzazione è oppressione”: il vicepresidente dell’università canadese afferma di “rifiutare i simboli della gerarchia”, in particolare le lettere maiuscole

C’è un nuovo movimento in Canada per sostenere la resistenza indigena eliminando le lettere maiuscole.

Sì, avete letto bene. Lettere maiuscole.

Il Centro di ricerca sui media (MRC) riporta la dott.ssa Linda Manyguns, Ph.D. il nuovo vicepresidente associato di Indigenizzazione e Decolonizzazione presso la Mount Royal University di Calgary, in Canada, ha rilasciato una dichiarazione sull’università sito web sull’uso delle lettere minuscole come “resistenza”.

“questo {sic} è uno sforzo iniziale per descrivere l’uso del minuscolo sul sito web dell’ufficio di indigenizzazione e decolonizzazione”, si legge nella dichiarazione.

“l’obiettivo dell’equità, della diversità e dell’inclusione di tutte le persone è sinonimo degli interessi delle popolazioni indigene. Sosteniamo ed espandiamo l’obiettivo dell’uguaglianza e dell’inclusione a tutte le forme di vita e a tutte le persone”, continua la dichiarazione. “ci uniamo a leader come ee cummings, bell hooks e peter kulchyski, che rifiutano i simboli della gerarchia ovunque si trovino e non usano maiuscole se non per riconoscere la lotta indigena per il riconoscimento”.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

Manyguns cerca di argomentare che il poeta EE Cummings ha usato lettere minuscole in solidarietà con il movimento delle popolazioni indigene. Ma come sottolinea l’MRC, Cummings giocava con la tipografia e la punteggiatura come parte della sua poesia, non aveva nulla a che fare con i popoli nativi.

La biografia di Bell Hooks sul Berea College sito web afferma, “ha scelto i ganci dei campanelli minuscoli, basati sui nomi di sua madre e sua nonna, per sottolineare l’importanza della sostanza della sua scrittura rispetto a chi è.”

Kulchyski è un professore di studi nativi presso l’Università di Manitoba e concorda con l’ideologia della non capitalizzazione, scrivendo anche che le persone dovrebbero “rifiutare i simboli della gerarchia”.

Anche se l’idea è quella di comunicare meglio le lotte delle popolazioni indigene, David P. Ball scrive per il Dimensione canadese sito web ha notato l’insistenza di Kulchyski nel rendere i suoi libri difficili da leggere non capitalizzando nulla.

Ma secondo Manyguns, la capitalizzazione è oppressione.

“noi resistiamo al riconoscimento delle strutture di potere che opprimono e si uniscono al movimento che non capitalizza”, ha scritto.

“l’ufficio per l’indigenizzazione e la decolonizzazione sostiene atti che si concentrano sull’inclusione e sostengono il diritto di tutte le persone all’inclusione e al cambiamento positivi”, ha continuato Manyguns.

Scrivere per il MRC, Alexa Moutevelis osserva: “La lingua è ciò che ci aiuta a comunicare e a capirci a vicenda, perché dovrebbero voler creare ulteriori barriere che creano confusione e divisione? Come BLM che protesta contro l’inno nazionale, questa dimostrazione senza senso crea barriere inutili e sposta l’attenzione lontano dalla causa che stanno cercando di evidenziare, quindi l’attenzione è invece sulle loro buffonate ridicole e offensive”.

“Speriamo che questa ultima mania canadese non prenda piede a sud del confine”, ha aggiunto.

Come CBN News ha riportato, I commenti di Manyguns arrivano in seguito alle recenti scoperte di tombe senza nome sui siti di ex collegi per bambini indigeni, molti dei quali erano gestiti da chiese. Finora sono stati trovati i resti di quasi 1.000 corpi, la maggior parte dei quali bambini indigeni.

Ciò ha portato a una campagna anticristiana in corso in tutto il Canada quest’estate che ha portato all’attacco di un totale di 45 chiese con alcuni degli edifici bruciati al suolo.

I terroristi sono responsabili per gli attacchi contro principalmente chiese cattoliche romane che servono congregazioni indigene.

Come CBN News precedentemente riportato, in un tweet agghiacciante, il leader della BC Civil Liberties Association (BCCLA) ha persino chiesto che altre chiese cristiane vengano incendiate in risposta alla scoperta delle tombe.

Harsha Walia, direttore esecutivo dell’associazione, ha risposto alle notizie di altre due chiese cattoliche bruciate, secondo Lo standard occidentale.

“Brucia tutto”, ha twittato.