February 9, 2023

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

I prezzi al consumo negli Stati Uniti sono aumentati di più nell’ultimo anno dal 2008

WASHINGTON (AP) – I consumatori americani hanno affrontato un terzo aumento mensile consecutivo dei prezzi a giugno, l’ultima prova che una rapida riapertura dell’economia sta alimentando la spesa repressa per beni e servizi che in molti casi rimangono scarsi.

Il rapporto di martedì del Dipartimento del Lavoro ha mostrato che i prezzi al consumo a giugno sono aumentati dello 0,9% da maggio e del 5,4% rispetto allo scorso anno, il picco di inflazione di 12 mesi più forte da giugno 2008. Escludendo i prezzi volatili del petrolio e del gas, la cosiddetta inflazione di base è aumentata del 4,5 % nell’ultimo anno, l’aumento maggiore dal novembre 1991.

La ripresa dell’inflazione, che deriva in gran parte dalla rapida ripresa dell’economia dalla recessione pandemica, ha accresciuto i timori che la Federal Reserve possa sentirsi obbligata a iniziare a ritirare le sue politiche di tassi di interesse bassi prima del previsto.

In tal caso, ciò rischierebbe di indebolire l’economia e potenzialmente di far deragliare la ripresa. I funzionari della Fed hanno ripetutamente affermato, tuttavia, di considerare l’aumento dell’inflazione come una risposta temporanea alla carenza di approvvigionamento e ad altre interruzioni a breve termine mentre l’economia si riprende rapidamente.

La riapertura dell’economia ha portato i consumatori ad aumentare i viaggi, mangiare fuori e fare acquisti dopo aver evitato la folla per un anno. Quell’esplosione di spesa ha costretto ad aumentare i prezzi per i pasti al ristorante, i vestiti e i biglietti aerei. La carenza di semiconduttori ha reso le auto nuove e usate molto più costose e i prezzi delle auto a noleggio sono aumentati vertiginosamente.

Finora, gli investitori hanno ampiamente accettato la convinzione della Fed che l’aumento dell’inflazione sarà di breve durata, con i rendimenti obbligazionari che segnalano che le preoccupazioni sull’inflazione a Wall Street stanno svanendo. Gli investitori obbligazionari si aspettano ora che l’inflazione raggiunga una media del 2,4% nei prossimi cinque anni, in calo dal 2,7% di metà maggio.

Anche le opinioni a lungo termine degli americani sull’inflazione si sono stabilizzate. Un sondaggio della Federal Reserve Bank di New York, pubblicato lunedì, ha rilevato che i consumatori si aspettano che l’inflazione rimanga vicina al 5% tra un anno. Ma si aspettano che l’inflazione sarà del 3,5% tra tre anni, leggermente in calo rispetto al mese scorso. I consumatori in genere sovrastimano l’inflazione futura.

Le aspettative di inflazione del pubblico sono importanti perché possono autoavverarsi. Se i consumatori prevedono prezzi più elevati, è probabile che richiedano una retribuzione più elevata e le aziende cercheranno di addebitare di più per compensare i costi più elevati.

La Fed mira a far sì che l’inflazione superi il suo obiettivo del 2% per qualche tempo per compensare il fatto che l’inflazione è scesa al di sotto di quel livello per la maggior parte dell’ultimo decennio. La Fed vuole che l’inflazione raggiunga una media del 2% nel tempo per evitare che le aspettative di inflazione degli americani scendano troppo.

Copyright 2021 The Associated Press. Tutti i diritti riservati.