July 2, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Risultati salutari sull’allentamento del Covid

Le ultime settimane hanno visto i risultati trimestrali rivelati da Dell, NetApp e Pure Storage che corrispondono alle vendite realizzate durante l’estate, poiché l’attività è aumentata dopo i primi 18 mesi della pandemia.

A livello dei titoli, Dell rimane il dominante fornitore di stoccaggio, nonostante i risultati un po’ stagnanti da un anno all’altro. I suoi prodotti di fascia media hanno mostrato un certo dinamismo, ma questo è controbilanciato da scarse prestazioni nella parte superiore della gamma.

Nel frattempo, NetApp e Pure Storage hanno registrato una crescita del 23% nei loro prodotti array all-flash. Pure Storage ha anche indicato una crescita del 200% nei suoi prodotti entry-level basati su Flash QLC.

Il flash QLC è il più economico e meno performante in I/O termini delle generazioni flash NAND, ma non è necessariamente una cosa negativa in quanto presenta vantaggi utili per l’archiviazione a lungo termine dei dati che non richiede molti cicli di lettura/scrittura.

I vantaggi di QLC corrispondono a molte esigenze di storage, anche tra quelle dei fornitori cloud, che sono grandi consumatori di infrastrutture con esigenze che spesso richiedono il miglior rapporto prezzo/capacità ma con poco in termini di I/O.

Il cloud è un interesse di minoranza tra questi fornitori affermati di apparecchiature per data center.

Detto tutto ciò, secondo NetApp i suoi servizi di cloud pubblico sono quelli in cui le vendite crescono più rapidamente.

Dell: il top della classifica nonostante il restringimento di fascia alta

Dell è ancora in cima al mercato degli array di storage con vendite trimestrali del 1Q22 riportate a 4 miliardi di dollari. Anche se questo è l’1% in meno rispetto a quanto raggiunto un anno fa.

Secondo Dell, i suoi array di fascia media, principalmente la gamma PowerStore, hanno visto aumentare le vendite del 17% su base annua (YoY), mentre i suoi infrastruttura iperconvergente prodotti come VxRail hanno registrato il 34% in più di ricavi. D’altra parte è al top di gamma – come PowerMax – dove si è verificata una contrazione dei ricavi, ma i dettagli non sono stati divulgati.

“Al vertice della gamma abbiamo il 42% del mercato”, ha affermato il direttore generale delle attività dei datacenter, Jeff Clarke. “Ma è un mercato che opera su cicli lunghi e anni fa gli acquisti delle imprese di questo tipo di prodotto erano in aumento. Ora sono più bassi. Le nostre vendite sono diminuite proprio come hanno fatto tra i nostri concorrenti che vendono questo tipo di prodotto”.

Secondo la più recente indagine di mercato di IDC, pubblicata poco prima dei risultati di Dell, l’azienda ha raggiunto una quota del 32,3% delle vendite nel mercato degli array di storage. Ciò si suddivide in quote del 36,8% per l’all-flash, del 33,1% per l’infrastruttura iperconvergente, del 13,6% per il software di archiviazione e del 50,7% del mercato delle appliance di backup.

I prodotti di storage di Dell fanno parte del suo Infrastructure Solutions Group, che vende anche server e apparecchiature di rete. Questa divisione ha realizzato un fatturato di 8,4 miliardi di dollari, che rappresenta una crescita del 3% su base annua.

A livello aziendale, Dell ha realizzato un fatturato di 26,1 miliardi di dollari, con una crescita del 15% su base annua, per un profitto globale di 1,4 miliardi di dollari, che rappresenta una crescita del 21% su base annua.

Il suo Client Solutions Group, PC, ecc., ha mostrato un fatturato trimestrale di $ 14,3 miliardi (crescita del 27% su base annua), mentre il fatturato della controllata VMware è stato di $ 3,1 miliardi (crescita dell’8% su base annua).

NetApp: cloud pubblico caldo

Gli ultimi trimestrali (1Q22) di NetApp mostrano un fatturato di 1,46 miliardi di dollari (+12% a/a) e un utile di 202 milioni di dollari (+162,3% a/a). Tra questi risultati, i servizi venduti tramite provider di cloud pubblico hanno registrato ricavi per 79 milioni di dollari.

Questi servizi comprendono prodotti di array di storage virtuale come Cloud Volumes, lo strumento di amministrazione Cloud Insights e il servizio di determinazione dei prezzi cloud basato sull’intelligenza artificiale di Spot.

Il fatturato per i servizi cloud, a $ 79 milioni, non è molto rispetto al resto, ma quella cifra assoluta maschera una crescita del 155% su base annua da $ 31 milioni, con NetApp che prevede di aumentarla nei prossimi trimestri.

“I nostri servizi di cloud pubblico ci aiutano a partecipare alla crescita economica galoppante del cloud”, ha affermato il CEO di NetApp, George Kurian, durante una chiamata con gli analisti finanziari. “Ciò rende NetApp un partner strategico per i clienti aziendali e questo ci consente di sgranocchiare parti del mercato aggiuntive rispetto alla nostra storica attività di data center”.

Il resto, pari a 1,38 miliardi di dollari, è raggruppato da NetApp come “cloud ibrido”, che mostra il suo intento in termini di marketing di posizionare i prodotti basati sui suoi filer Ontap OS e Archiviazione di oggetti StorageGrid verso progetti di cloud ibrido.

Tra questi prodotti, progettati per l’implementazione nei data center, i suoi array all-flash basati su Ontap, sono quelli che hanno mostrato la crescita maggiore, in crescita del 23% su base annua.

Secondo IDC, NetApp è al secondo posto tra i produttori di array di storage con il 10,9% del mercato.

Pure Storage: 3 volte più FlashArray//C venduti

Pure Storage è uno dei primi sei operatori di storage che ha realizzato un fatturato trimestrale di 498,8 milioni di dollari. Tuttavia, ciò non ha permesso a Pure di assorbire perdite di 45,3 milioni di dollari in questo trimestre, in particolare a causa degli esborsi su l’acquisto di Portworx, specialista in software di stoccaggio di container.

Detto questo, Pure ha ottenuto una crescita delle vendite nei risultati del 2Q22 del 23% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, che è stata la crescita più forte nel mercato e la migliore nella storia dell’azienda.

“Francamente, prevediamo di battere record di entrate ogni trimestre, ma è stato straordinario”, ha affermato Charles Giancarlo, CEO di Pure Storage, parlando con gli analisti finanziari. “Ha superato le nostre aspettative.”

Analizzando i dettagli, le vendite di FlashArray//C entry-level sono triplicate, così come le vendite di licenze del software di storage container Portworx. Inoltre, le vendite di abbonamenti tramite il Pure-as-a-service triplicata anche l’offerta, con vendite trimestrali pari a 171,9 milioni di dollari e comprendente un terzo dei contatti siglati con i clienti.

Pure Storage ha dichiarato di aver aggiunto 380 nuovi clienti nel trimestre, con un totale stimato in circa 10.000 organizzazioni. I suoi 10 maggiori clienti hanno contribuito al 20% delle entrate trimestrali di Pure.

Pure Storage è ottimista, con il CEO Giancarlo che prevede un fatturato di 530 milioni di dollari per il prossimo trimestre, che corrisponderebbe a una crescita record del 29% su base annua. Questa previsione si basa sulla chiusura “quasi certa” di un contratto per 10 milioni di dollari di FlashArray//C con un grande provider di servizi cloud.

“L’ultimo baluardo dell’hard disk è tra i cloud provider”, ha affermato Giancarlo. “La grande maggioranza del loro spazio di archiviazione è stata finora su dischi rigidi. Ma pensiamo che sia arrivato un momento cruciale in cui inizieranno a distribuire array SSD”.

“Questa è una grande opportunità per noi, perché ciò che possiamo realizzare con i grandi fornitori di cloud può essere ripetuto con il resto dei fornitori di cloud.”